winterlake1.jpgwinterlake2.jpgwinterlake3.JPGwinterlake4.jpg

Aria fredda in arrivo sull'Italia, quali le conseguenze?

Martedì 29, ore 17:45

La carta proposta stasera, tratta da www.meteociel.fr , rappresenta lo scarto delle temperature previste durante la notte di Giovedì, ad una quota di riferimento di circa 1500 metri, rispetto alle medie del periodo; ben si vede come sopra buona parte dell'Europa centro-orientale sarà presente aria decisamente "fredda", sino a 8° in meno rispetto alla normalità; si tratta di valori, a quelle quote, semi-invernali. Diciamo subito che al suolo, sebbene previste in diminuzione, le temperature non scenderanno sino a realizzare simili scenari, in quanto la frequente presenza di nubi impedirà il normale raffreddamento notturno, e manterrà uno strato d'aria "meno freddo" interappolato al di sotto di esse.

La discesa di tale massa d'aria fredda, in arrivo dall'Europa Nord-Orientale, scombussolerà però il tempo sul Mediterraneo, favorendo la nascita, per contrasto termico con le temperature ben più elevate del mare, di una vivace circolazione ciclonica che da domani interesserà buona parte del Centro-Sud tirrenico, con rischio di fenomeni particolarmente intensi, a quanto pare, soprattutto fra Sardegna e Corsica, fra domani e Giovedì. La successiva risalita del minimo depressionario verosimilmente coinvolgerà nelle precipitazioni a partire dall'ultima parte di Giovedì anche la nostra regione, con probabili precipitazioni anche forti durante la giornata di Venerdì.

 

Joomla templates by a4joomla