winterlake1.jpgwinterlake2.jpgwinterlake3.JPGwinterlake4.jpg

La fase di maltempo di fine Febbraio

Lunedì 29 Febbraio, ore 22:30

L'inverno meteorologico ha aspettato i suoi ultimissimi giorni (domani, 1 Marzo, inizia la Primavera meteorologica) per scoccare il suo peggioramento del tempo più intenso, anche se in realtà esso ha assunto caratteristiche maggiormente da stagione intermedia piuttosto che invernale. Durante la prima fase, che ha avuto il suo culmine nella nottata fra Sabato 27 e Domenica 28, la neve è arrivata sino a quote decisamente basse sul Basso Alessandrino e Basso Astigiano, con località come Acqui, Ovada, Canelli e Nizza che si sono trovate imbiancate al risveglio di Domenica. Durante la giornata festiva, il graduale approfondimento della circolazione ciclonica a ridosso del Mar Ligure ha incrementato l'afflusso di aria più mite da Sud, innalzando quindi gradualmente la quota neve.

Gli accumuli più importanti, sia in termini nevosi che nel complesso precipitativi si sono registrati sull'Astigiano di Sud/Ovest, a ridosso del confine col Cuneese, laddove le correnti da Nord/Est, innescate dalla profonda circolazione depressionaria sul Mediterraneo, hanno ammassato contro i rilievi retrostanti le maggiori quantità di umidità e di aria fredda.

Nell'immagine, l'elaborazione su base dati Arpa degli accumuli precipitativi fra le 22 di Sabato e le 22 odierne.

Joomla templates by a4joomla